Insieme delle attività svolte dai centri di ricerca che vanno dalla protezione (brevetti), al marketing, e alla commercializzazione di tecnologie e, più in generale, alla gestione della proprietà intellettuale sviluppata nell'ambito dei progetti di ricerca e sviluppo.
La valorizzazione e il trasferimento dei risultati scientifici e tecnologici sviluppati nei centri di ricerca (R&S) ricopre un ruolo fondamentale e sempre più rilevante in termini di sviluppo economico, ed è considerato il motore per accompagnare la transizione da un tessuto produttivo manifatturiero alla cosiddetta società basata sulla conoscenza. Ciò amplia e rende maggiormente complesso il processo di trasferimento includendo altre strategie e metodologie quali le collaborazioni di ricerca, le consulenze e la mobilità dei ricercatori. La trasformazione dei centri di ricerca da strutture deputate allo sviluppo e alla diffusione di nuova conoscenza a organizzazioni capaci di proteggere, gestire e valorizzare i risultati scientifici e tecnologici, richiede da parte delle università e degli enti pubblici di ricerca uno sforzo in termini organizzativi e procedurali al fine di mantenere la qualità delle attività di alta formazione e di ricerca, garantendo al contempo un’adeguata ricaduta in termini applicativi. In ogni caso, tali strutture hanno in comune obiettivi orientati allo sfruttamento dei risultati della ricerca per cui, tipicamente, raggruppano professionalità e si dotano di strumenti idonei a valorizzare i risultati del lavoro scientifico di interesse industriale, intervenendo sull’intero processo: dall’individuazione di un bisogno che attiva determinati percorsi di ricerca scientifica, allo sviluppo di progetti di natura applicativa fino al raggiungimento di risultati innovativi che, opportunamente protetti, possono essere trasferiti in applicazioni industriali.